La bolla Twitter: 50 profili e 2 bot da seguire per renderla interessante

Twitter è una “bolla”, dicono in tanti: qui cinquanta profili e due bot utili per renderla almeno interessante e plurale.

Un bacino d’utenza stagnante, scarsa capacità di innovare l’interfaccia, accuse frequenti di essere brodo di cultura di fake news, hate speech, trolling e manipolazione.

Ha ancora senso avere un account su Twitter?

Chi scrive ritiene di sì, per tre motivi. 

Il primo motivo è che tuttora, nonostante tutto, non si ha altro canale social ugualmente efficace e agile per aggregare una narrazione collettiva in tempo reale. Su Facebook gli hashtag non sono mai decollati e, detta brutalmente, il Facebook live consuma molti più giga: se devi seguire qualcosa in real time, Twitter è tuttora una soluzione efficace e competitiva.

Il secondo sta nel fatto che non esiste un canale social altrettanto orizzontale nella relazione: un tweet di reply ha, in teoria, lo stesso spazio visivo e di caratteri del tweet principale. Su Facebook o Instagram il thread di commento resta sempre “in casa” dell’autore del post, su Twitter c’è invece maggiore contaminazione e parità di spazi.

Il terzo sta nel fatto che, se ben organizzato, è ancora un social interessante per informarsi sui temi di proprio interesse, per seguire persone che abbiano qualcosa da dire e per interagire con nicchie specifiche.

E qui veniamo a un punto fondamentale della nostra presenza sui social: il tempo. Passiamo sui social una porzione della nostra giornata: nelle pause, per diletto o spesso per cercarvi informazioni utili.

Dobbiamo fare in modo che si tratti di tempo ben speso: per raggiungere questo obiettivo, è fondamentale la scelta delle persone che si seguono. Dev’essere coerente, motivata e avere dei confini chiari.

Se sui social ti annoi, molto probabilmente non stai seguendo le persone giuste. 

Personalmente su Twitter seguo poco meno di 600 account: li ho più che dimezzati negli ultimi otto mesi e mi sembrano ancora tantissimi. E vedendo in circolazione tanti account con più di 1000 following, mi chiedo quale guazzabuglio debba essere il loro feed.

Più di altri social, Twitter è una bolla, è vero: facciamo almeno in modo che sia una bolla coerente e funzionale ai nostri scopi. Utile, a suo modo.

Chi seguire su Twitter? È innanzitutto una questione di metodo. 

Scelgo i profili da seguire in base ai seguenti parametri:

  • Postano contenuto nativo: seguo profili che tentano il più possibile di avere un loro piano editoriale sulla piattaforma, di pubblicare tweet propri, unici a loro modo, e che non si limitano a rilanciare su Twitter cose precotte o prodotte altrove. Se vedo che un profilo che pubblica soltanto link di altri siti senza personalizzazione alcuna, o esclusivamente rilanci di post scritti su altri social, oppure se fa soltanto RT di contenuti altrui, non lo seguo più. Conviene seguire profili che abbiano intenzione di comunicare sulla piattaforma qualcosa di specifico, rivolto a quell’audience e quel canale.
  • Specialisti, non tuttologi: prediligo il following a profili che si occupino prevalentemente di un unico, specifico argomento di mio interesse. Come detto, account in grado di pubblicare contenuti autentici, originali, unici, non reperibili altrove.
  • Pluralità di punti di vista: seguo molto la politica e la comunicazione e dunque cerco di individuare le persone per me più interessanti all’interno di queste nicchie. L’obiettivo però è rendere le stesse cerchie “plurali” per punti di vista e specializzazioni. In altre parole: bisognerebbe provare a rendere “poroso” il proprio feed, aprirlo a punti di vista diversi dal proprio.

Ho applicato questo metodo ai miei interessi personali, ma penso che sia un approccio mutuabile anche da chi si interessa ad altro.

Qualunque sia la tua nicchia, se segui il metodo esposto sopra puoi raggiungere l’obiettivo di allestire un Twitter feed interessante, coerente, funzionale.

50 + 2 profili interessanti su Twitter 

Qui segnalo poco più di 50 cinquanta profili Twitter che, nelle nicchie di mio interesse, a mio parere meritano il follow. Come detto sopra, personalmente ne seguo anche moltissimi altri (598 in tutto!), quindi non si tratta di una lista compilata con la pretesa dell’esaustività.

Comunicazione 

Comunicazione politica 

Debunking 

Economia 

Giornalismo 

Outsider 

Politica 

BOT utili 

Quali sono i vostri 50 profili Twitter imperdibili? Segnalatemeli su @RecapSocial!

 

Marco Borraccino

@borraccinomarco

Please follow and like us:

Un commento su “La bolla Twitter: 50 profili e 2 bot da seguire per renderla interessante”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *